Briatore: con 0,2 euro in più il 75% sceglie pizza con olio di qualità

Test ai consumatori al Pizza Village con Coldiretti e Aprol Campania.

NAPOLI – Il piacere di mangiare una pizza può migliore con soli 20 centesimi di olio extra vergine di qualità, mantenendo un prezzo popolare. È quanto emerge da un test somministrato ad un campione casuale di consumatori al Pizza Village di Napoli grazie ad un’iniziativa di Coldiretti Campania, in collaborazione con Unaprol e Aprol Campania. Ai partecipanti sono stati fatti assaggiare due pezzi identici di pizza margherita, conditi a crudo con due oli totalmente diversi: un olio di semi e un olio extra vergine di oliva monovarietale di Ravece. Uno stress test volutamente estremo per misurare la scelta tra una soluzione molto diffusa di condimento a confronto con un olio di alta qualità. Il 75% del campione ha scelto la pizza con olio evo, preferendola nettamente come esperienza gustativa in grado di esaltare il sapore di tutti gli altri ingredienti. Un risultato che conferma quanto sia fondata la battaglia culturale che Coldiretti e le associazioni dei produttori portano avanti per diffondere la conoscenza dell’olio, alimento principe della dieta mediterranea.

Ma se la stessa pizza margherita cambia totalmente sapore grazie ad un extra vergine di qualità, quanto incide questo ingrediente di eccellenza sul costo finale? Un filo d’olio a crudo su una pizza pesa circa 10 grammi, pertanto con un litro si possono condire oltre 100 pizze. Se prendiamo un extra vergine di qualità a 20 euro al litro, il costo per ogni pizza aumenterebbe meno di 20 centesimi. Questo conferma il messaggio lanciato da Napoli all’indirizzo di Flavio Briatore, che ha sostenuto la necessità di vendere la margherita a 15 euro.

Il messaggio che Coldiretti Campania e Aprol Campania lanciano ai pizzaioli napoletani è di offrire ai consumatori la possibilità di un’esperienza di gusto all’insegna della qualità, inserendo nei menù gli abbinamenti con gli oli extra vergine di eccellenza di cui la regione abbonda. Per condividere questo obiettivo, venerdì 24 giugno alle 18, nell’area ospitalità del Pizza Village, si terrà un corso di degustazione di olio evo dedicato esclusivamente a pizzaioli napoletani, guidato da Nicola Di Noia, direttore nazionale di Unaprol e tra i massimi esperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.