De Rosa alla politica battipagliese: “L’area dell’ex interporto è una risorsa a patto che si facciano scelte giuste e condivise”

Il Ceo di Smet, Domenico De Rosa, ospite dell’incontro “Logistica e Trasporti per un Mezzogiorno sempre più veloce” ha parlato delle necessità del settore nella provincia di Salerno e in particolare del territorio di Battipaglia. “La politica deve fare delle scelte. Troppi fondi che non creano valore possono essere un problema per il futuro”.

Ospitati nella cornice dell’Hotel San Luca di Battipaglia è andata ieri in scena l’incontro “Logistica e Trasporti per un Mezzogiorno sempre più veloce”, organizzato dalla segreteria del PD di Battipaglia. L’appuntamento ha posto l’accento sulla necessità di una svolta nel settore della Logistica all’interno del territorio battipagliese. Per l’occasione hanno posto i loro saluti Anna Raviele, segretario PD Battipaglia, Luigi D’Acampora, capogruppo consiliare PD Battipaglia e Antonio Apadula, segretario generale della CGIL Salerno. A seguire gli interventi di Antonio Visconti, presidente del Consorzio Asi Salerno, Amedeo D’Alessio, segretario generale Filt-Cgil Campania e Luca Cascone, presidente Commissione Trasporti Regione Campania. Conclusioni affidate all’onorevole Piero De Luca, vice presidente Gruppo PD alla Camera dei Deputati.

Subito dopo la relazione del presidente dell’Asi, Visconti, è stato il turno del Ceo di SMETDomenico De Rosa, intervenuto in qualità di esperto del settore in virtù dei tanti anni di esperienza, nazionale ed internazionale.

De Rosa ha analizzato dapprima le criticità del territorio per poi affrontare il discorso sulle potenzialità.
Apprezzo molto la volontà di riunire ed ascoltare le parti sociali e produttive insieme in un confronto – ha dichiarato il Ceo di Smet – Rispetto alla tematica della logistica del territorio di Battipaglia ma in generale della provincia di Salerno penso sia molto importante organizzare accuratamente la strategia. Battipaglia ha vissuto e vive una situazione complicata. Serve riprendere in mano il discorso, come bene ha evidenziato il dottor Visconti, citando l’esperienza dell’area dell’ex interporto e, di conseguenza, dell’aeroporto. Oggi abbiamo un aeroporto in una condizione che non conosco ma certamente non mi sembra di prendere aerei da questo scalo”.

Le notizie dall’Europa infine non prospettano scenari positivi se non si prenderanno scelte decisive.
Pochi giorni fa è stata approvata una legge dalla Commissione Ambiente dell’Unione Europea – spiega De Rosa – che punta a tassare i trasporti secondo il sistema ETS in base alle emissioni di Co2. Questa misura può essere per il nostro territorio altamente disastrosa se non si affrontano oggi queste scelte europee”.

Da qui l’appello finale alla politica.

La politica deve fare delle scelte – sentenzia il Ceo di SMET – Si fanno investimenti enormi, come quelli previsti dal PNRR, ma bisognerà valutare che benefici reali ne avrà il Sud. Salerno è già piena di spazi candidati al trasporto via nave ma ancora non riesce ad accogliere le giganavi da 500 camion, costretti a sbarcare al porto di Civitavecchia. Perché non candidare Battipaglia da ricettore del porto di Salerno con un progetto condiviso anche sull’area dell’ex Interporto? Alla politica chiediamo ancora una volta di effettuare valutazioni sui costi-benefici riguardo le azioni da compiere. Il PNRR deve essere tagliandato. Vi sono troppi progetti dove sono stanziati decine di miliardi ma nessun reale valore, solo per completare una spesa. Il piano, tra l’altro, ricordo che è una nuova emissione di debito che se non creerà le basi per un ulteriore sviluppo, rischia di complicarci la vita ancora di più per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.