XXI Spot School Award, Premiazione il 3 giugno a Salerno

A Salerno, finalmente in presenza il XXI Spot School Award – Mediterranean Creativity Festival, dal 2 al 4 giugno. Giornata clou sarà venerdi 3 giugno che si concluderà con la cerimonia di premiazione presso il Teatro Pasolini sul lungomare cittadino. La giornata inizierà, invece, con il “One day seminar: Caos & Miracoli – In direzione ostinata e contraria di e con Patrizia Pfenninger e Pasquale Diaferia” che si terrà nella sala convegni della Camera di Commercio di Salerno. Quest’anno una valanga di creatività al XXI Spot School Award, grazie alle tante campagne iscritte dagli studenti e dedicate ai temi di Caritas Italiana, Legambiente e Società Italiana Educazione Terapeutica. La giuria è presieduta da Federico Russo; con lui i creativi Matteo Biasi, a.d. di Aldo Biasi Comunicazione, Milano e Patrizia Pfenninger di Indica Studio, ed i referenti delle tre strutture che hanno proposto i brief, Francesco Spagnolo per Caritas Italiana, Rossella Fasano per Legambiente, Mary Calabria per SIET. Federico Russo, executive creative director in VMLY&R Italy, premierà a Salerno le scuole partecipanti; Russo vanta oltre venti anni di esperienza in pubblicità a livello nazionale e internazionale. Patrizia Pfenninger è membro di ISTD UK (International Society for Typhographic Designers) e dell’AD&D. Ha aperto a 21 anni la sua agenzia indipendente (indica.ch), dopo un diploma in arti applicate, una laurea come comunicatore visivo, e un Master in Interaction Design, un diploma  federale in Marketing e una certificazione USA da istruttore IdeaMapping. Queste diverse sensibilità tecniche le permettono di coniugare il rigore delle scienze con la creazione di nuovi mondi, in opere multimediali o tradizionali. Suoi lavori sono parte della collezione digitale del Museum für Gestaltung (di Zurigo) e nel Parco delle Sculture del Max Huber Museum (di Chiasso). La scultura IDEA è stata presentata nel 2016 al Media Art Festival del Maxxi di Roma, e poi esposta a Torino (Circolo del Design), Genova (Palazzo Ducale), Milano, Napoli, Salerno e Lugano. Sue personali sono “Pompei Today, The End of Capitalism” (Como, IT) e “1:1 In direzione ostinata e contraria” (Locarno, CH). Pasquale Diaferia, negli ultimi 39 anni, ha realizzato campagne per marche famose e importanti agenzie multinazionali, percorrendo tutti i passaggi, da junior copywriter a direttore creativo internazionale, dagli spot al web, dalla guerriglia al media earned. E’ stato il primo italiano della storia nella giuria Cyber al Festival di Cannes, ha portato al primo milione di clienti il primo operatore telefonico post monopolio (Omnitel, oggi Vodafone), Wind al decimilionesimo cliente, Fiat alla prima Cyber car (barchettaweb), Ibazaar (oggi eBay) alla prima campagna con una Drag Queen, Anlaids alla prima campagna in cui Christopher Lambert mostrava un preservativo come unica arma contro il contagio. Ha vinto alcuni dei maggiori premi nazionali ed internazionali. Per Pfenninger e Diaferia la soddisfazione più grande, comunque, è stata vedere assegnare al proprio lavoro contro mafia, ‘ndrangheta e camorra, da loro realizzato insieme a Klaus Davi, il Premio Borsellino 2018. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.