AVELLINO – Si è presentata con una sorpresa Carmen Giannattasio alla masterclass iniziata ieri mattina al Conservatorio di Avellino. Ad accompagnarla, infatti, sono stati la sua logopedista Stefania Polcaro e il suo confidente spirituale, don Antonio Ventulli, parroco ad Ariano Irpino .

Non dovete preoccuparvi perché la voce è uno strumento che alla fine diventa l’ultima cosa se non si riesce a trasmettere quello che hai dentro, facendo vivere la musica che è scritta”. Così la soprano ha esordito accogliendo i giovani studenti nell’aula  41. Ha poi aggiunto “vedete, è un po’ come avere una Ferrari ma non essere un pilota. Nella storia, infatti, anche voci non grandi, ma con grande carisma, hanno avuto successo. Perché questo lavoro ci permette di fare dono di noi stessi e del compositore che interpretiamo. Ricordate: niente è impossibile, io ne sono la prova! Provenendo da un paese del Sud come Solofra, ritengo di essere partita da una posizione considerata svantaggiata. E credo, che il segreto del mio successo sia stato non voler per forza dimostrare qualcosa a qualcuno, così sono rimasta sempre seduta ad aspettare il mio momento. E voglio dare a proposito un consiglio  a chi comincia e a chi lavora già: non bisogna parlare prima di mostrare i fatti, non bisogna guardare all’erba del vicino e, quando ci si presenta ai concorsi, non bisogna farsi abbattere dai preconcetti che sono sbagliati, come quello secondo cui i russi e gli ucraini debbano saper per forza cantare meglio di voi. Perché ognuno di noi ha qualcosa di speciale e unico da donare”.
Ad accompagnare la soprano nella masterclass sono impegnati i pianisti M° Pareti e M° Grimaldi.
Don Antonio, in qualità di collaboratore al corso, da ex collega di canto al Cimarosa (è tenore)  e da padrino di cresima, ha presentato la Giannattasio come “una donna piena di umiltà e semplicità, sincera, che si nasconde dietro un’eccentricità, che la stampa ha messo sempre in risalto e che, in fondo, le fa da difesa contro i lupi che affollano l’ambiente in cui lavora”.
Don Ventulli ha incontrato la vocazione solo dopo aver terminato i suoi studi da tenore con Alfredo Graus in Conservatorio: ha conseguito la laurea di II livello  al Cimarosa con 110 e lode e menzione accademica, ma la luce del Signore ha prevalso permettendogli di vedere anche la musica, che continua ad amare tantissimo, sotto un’ottica diversa.
Ricordiamo che Venerdì 21 alle 20,00 Carmen Giannattasio terrà un concerto in Conservatorio insieme ai giovani che hanno frequentato la masterclass.  Sarà lei ad aprire la serata con “O mio babbino caro” (dall’Opera” Gianni Schicchi” di Giacomo  Puccini). Poi, dagli allievi, saranno eseguiti brani di Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini e terminera’ ancora la Giannattasio con  “Vissi d’Arte” (dall’Opera “Tosca”di Giacomo Puccini). Ma il programma è ancora in via di definizione.
Messaggi – Contatti – Calendario – Opzioni – PEC webmail – Logout

Copyright © 2014 – Aruba S.p.A. – tutti i diritti riservati