Lo sport è di tutti. E’ un fenomeno sociale di enorme rilevanza, un grande strumento educativo e di produzione di modelli culturali, un efficacissimo strumento di inclusione e di coesione sociale e un potentissimo veicolo di comunicazione. L’obiettivo sportivo viene raggiunto mettendo in gioco abilità, forza d’animo e metodologie fuori dal comune ed eterogenee. Analizzando più dettagliatamente le attività sportive in programma allo Sportdays 2012 , è possibile scoprire un mondo ricco di fascino, non solo per chi pratica direttamente lo sport ma anche per chi si avvicina a questa realtà anche solo da spettatore. Lo Sport del prof. Saviano e dunque lo Sportdays 2012  vuole essere un esempio singolare di pratica sportiva che guarda prima alla persona che al risultato, che insegna la massima correttezza, che promuove l’inclusione, che rifugge da ogni esasperazione e si ripropone come passione profonda, veicolo di legami e rapporti amicali.Attraverso questo percorso  è possibile confrontarsi con se stessi, soffrire, gioire, perdere o vincere, ma soprattutto è importante imparare ad affrontare la competizione nel rispetto dei propri limiti e degli avversari qualsiasi siano le differenze in gioco. I criteri metodologici di base utilizzati anche per quest’anno sono orientati a fornire interventi rispettosi delle caratteristiche soggettive di ognuno. Questo significa che il singolo atleta o partecipante  trova una risposta alle proprie esigenze nell’ambito di un intervento rivolto al gruppo, dove a ciascuno è richiesto di esprimere le proprie capacità tenendo conto dei propri tempi di maturazione e di apprendimento. Tale procedura adottata dal Presidente Provinciale del Coni, il Prof. Giuseppe Saviano  tende a creare un ricco bagaglio di gestualità e di emozioni che è il presupposto più importante per padroneggiare ogni situazione. Velocità, potenza, precisione, creatività, spettacolo architettate sapientemente da un uomo che da oltre 11 anni crede in questo progetto ha come caratteristica la polivalenza. La riflessione sulla pratica sportiva, quindi, non solo fruita da spettatori ma anche partecipata dai diretti interessati, è la strategia scelta per accompagnare i ragazzi nel processo di crescita. Il Presidente Provinciale dell’A.I.C.S Avellino, il Prof Pellegrino Maccario  è lieta di sostenere tale progetto , tale proposta  e una persona come il Presidente del Coni Giuseppe Saviano. Il Professore Maccario aggiunge e ribadisce con forza quanto segue: “È solo dando che possiamo sperare di far capire quanto sia più bello e gratificante dare che ricevere. Occorre, dunque, essere pronti a dare, consigliare, accogliere, raccontare le proprie esperienze e i propri sogni, disponibili a sostenere e incoraggiare, ma anche capaci di dire no quando necessita”. Da qui l’augurio di un buon inizio agli addetti ai lavori e alla famiglia Sportdays.
Tiziana Cipolletta
Responsabile Ufficio Stampa A.I.C.S.
Avellino