Di Marco Pisano – In merito alla gara tra Catania ed Avellino abbiamo raggiunto telefonicamente l’ex capitano degli irpini e catanese doc Ciccio Millesi. L’Attaccante etneo, in sette anni di esperienza all’ombra del Partenio, ha collezionato con la maglia biancoverde 178 presenze realizzando 28 gol:La partita tra Catania ed Avellino per me assume un aspetto molto importante dato che il mio cuore è diviso a metà spero che in questa partita vinca il migliore, spero che sia una partita sana senza scontri tra giocatori e che si possa vivere una giornata di sport, dato che Avellino e Catania sono due grande piazze e meritano sicuramente un diverso palcoscenico. Il cammino delle due squadre? Quello dell’Avellino direi impressionante, mi dispiace soltanto che sul suo cammino ha trovato una Ternana che ha fatto ancora meglio e non si è fermata non avendo nessuna defezione covid. L’Avellino inizio campionato ha avuto qualche problema con questo virus che gli ha condizionato il campionato, ma ora sembra che hanno risolto. E’ vero che è difficile il primo posto ma sono sempre fiducioso, io se fossi in loro ci proverei fino alla fine e non mollerei la presa. Il calcio ormai non è più quello di una volta, non c’è più meritocrazia in campo, dato che giocano ragazzini privi di esperienza per le casse delle società, e per questo avendo molti under in campo il campionato è diventato di basso livello e questo può far solo male al calcio”.