Mercoledì 7, alle ore 20:30, gli alunni della V E dell’Istituto Alberghiero (IPSSEOA) ‘Rossi-Doria’ di Avellino, diretto dalla professoressa Maria Teresa Cipriano, chiuderanno l’originale ciclo delle cene tematiche che si sono succedute nel corso dell’anno scolastico ormai in dirittura d’arrivo, suscitando l’interesse e l’ammirazione di un vasto pubblico esterno. L’evento proporrà le suggestioni del “Mediterranean sound at dinner”: “Volgendo la nostra attenzione ai sapori e ai suoni  del  ‘Mare Nostrum’ – sottolinea Federico Risoli- proveremo ad esaltare l’identità di uno storico crocevia di culture, che attraverso le sue acque hanno interagito per millenni”. Con le suggestioni della cucina e della musica i convitati compiranno un vero e proprio viaggio tra le civiltà che ne hanno segnato la storia: “Il Mediterraneo –aggiunge in proposito Davide Saporito citando lo storico Braudel- è un’immensa spugna che si è lentamente imbevuta di ogni conoscenza: noi questa spugna l’abbiamo strizzata per ricavarne qualche goccia di conoscenza da  far assaporare al pubblico non solo con il cibo”. La cena, ispirata ad un originale percorso letterario-artistico messo a punto dagli studenti, è frutto di un laborioso e consapevole lavoro pluridisciplinare. E non poteva essere altrimenti, visto che nel Mediterraneo ritroviamo le radici culturali, etniche, artistiche che formano la nostra identità. Un’identità messa però a repentaglio dalle devastazioni delle acque marine, che rischiano di ridursi  a desolante ‘zuppa di plastica’. La cena, concludono in coro gli studenti-organizzatori, solleciterà anche una riflessione su questo fenomeno inquietante: “dobbiamo mettere in salvo il nostro mare che deve continuare ad avvicinare i popoli”.