Importanti novità arrivano dal Consiglio federale della Federcalcio sulla riforma dei campionati di Lega Pro. Nel 2013 si passerà da 69 a 60 squadre suddivise in 3 gironi da 20 ciascuno.

«Nella prossima stagione partiremo nuovamente con 69 club, e se sarà necessario ci saranno dei ripescaggi sia tra le nostre formazioni retrocesse che tra quelle del mondo dilettantistico – ha spiegato il presidente della Lega Pro Mario Macalli, uscendo dal palazzo della Figc a Roma – in quella successiva poi, per scendere a 60 squadre, non ci saranno retrocessioni tra la Prima e la Seconda divisione, e nella Seconda scenderanno 18 squadre». «Siamo contenti, oggi è un bel giorno per tutto il calcio italiano», ha concluso Macalli, che ha annunciato anche la volontà di ricandidarsi alla presidenza della Lega Pro.