Prima sconfitta per le irpine in campionato e brutto stop fanno da contraltare al primo posto in classifica delle napoletane seppur in coabitazione della Purenergy Eboli.Partita cominciata con oltre mezz’ora di ritardo a causa del ritardo delle ospiti che imbottigliate nel traffico natalizio-festivo hanno impiegato la bellezza di 2:30 per arrivare dalla vicina Avellino.L’incontro comincia con le due formazioni che impiegano i primi minuti a studiare l’avversario e poche conclusioni di rilievo fino al 14′ quando il capitano Filocaso R. pesca una solitaria Grassi a limite dell’area la quale e’abile e lesta a girarsi ma e’ bravissimo l’estremo di casa a murare la conclusione dell’irpina che non riesce sulla ribattuta a trovare la porta.Le padrone di casa si appoggiano alla vivacità e al sinistro della Cipolletta che timbra la traversa con una bellissima punizione dalla trequarti campo,e con ancora la mancina al tiro in un paio di occasioni che pero escono dalla specchio.Le irpine sono solide in difesa con la Moschella a chiamare rotazioni e marcature delle compagne che spingono con gli esterni Grassi e Filocaso M. e trovando spesso la sponda dei pivot Carrabs e Romano.Ma poche conclusioni e più ripartenze mal gestite dalle ospiti che hanno un paio di due contro uno che non portano al tiro ma bensì ad azioni di sfondamento e chiudendo a reti inviolate la prima frazione.La ripresa comincia sulla falsa riga della prima frazione con squadre più preoccupate di coprire che di offendere ma con le irpine un po più intraprendenti con la Filocaso R.che prima chiama alla parata a terra il portiere di casa e poi lascia partire un ottimo sinistro che di spegne di poco a lato.La partita e’ chiusa e ci sono pochi spazi così la situazione e’bloccata.Gli ospiti ci provano a meta’ ripresa arretrando la Lombardi da ultimo e portando sugli esterni le due Filocaso prima e la Grassi poi e facendo fare da pivot alla Carrabs che riesce a tener palla e far salire a turno le compagne ,dunque forcing biancoverde costante che vanno al tiro con la più piccola delle Filocaso pericolosamente due volte e con la Carrabs che non riesce ad impattare a pochi passi dalla porta un paio di buone occasioni.Le padrone di casa soffrono e capitolano al 21′ quando la Lombardi serve sul out destro Filocaso M. che salta la diretta avversaria e incrocia un diagonale che si spegne sul palo opposto.Irpine in vantaggio e abili a gestire ritmi cercando di far girare palla senza rischiare troppo ma il vantaggio dura poco e partita che cambia al minuto 23′ contrasto tra il pivot di casa e la Lombardi arbitro che prima indica il calcio d’angolo e poi concede una punizione molto contestata dal limite dell’area.Palla alla Cipolletta che scaglia un tiro molto potente con la barriera che si apre e partita in parità.E da qui in poi partita cambiata con le ospiti a caricare a testa bassa ma con scarsissima lucidità e prestando il fianco alle padrone di casa che due minuti dopo trovano il vantaggio da calcio d’angolo palla battuta forte che rimpalla tra diverse atlete e che resta li al limite dell’area e sul quale si avventa il portiere Silvestre che non riesce a trattenerla ostacolata dalla Cipolletta che la depositare a porta sguarnita tra le proteste delle ospiti che lamentavano una carica al portiere.Partita ribaltata in 5 min e irpine furiose nella reazione ma come dicevamo poco lucide che prendono la definitiva terza rete ancora in maniera rocambolesca con la Filocaso e il pivot di casa a contrastarsi e palla che schizza verso il portiere ospite che nel tentativo di rinviare scivola e sbuccia la palla che finisce sui piedi del pivot ospite che incredula deposita a porta vuota.Ultimo minuti con le bianco-verdi a tentare anche col portiere di movimento ma nulla da segnalare fino al triplice fischio finale.Amareggiato il tecnico Perrottelli “Purtroppo usciamo battuti da una partita probabilmente stregata visto il viaggio della speranza che abbiamo intrapreso con oltre due ore e mezza di viaggio per soli 40km,e praticamente scendendo direttamente in campo dalla macchina.Comunque abbiamo perso e non ci resta che lavorare sugli errori,perché a 8′ dalla fine dovevamo gestire meglio la partita e anche dopo il pareggio non dovevamo perdere la testa andando all’assalto all’arma bianca.Comunque ora ci concentreremo sulla finale di coppa cercando di far tesoro degli errori commessi oggi altrimenti la salvezza sara dura da raggiungere”