VIS SAN NICOLA 1
ISOLA DI PROCIDA 0
VIS SANNICOLA: Parlapiano 7, Theo 6, Tucci 6 (93’Parente sv), Di Maio 6.5, Borrelli 6.5, Iovinella 6.5, De Luca 6, Feola 6.5, D’Auria 6 (87’ Sacco sv), Colantuoni 6 (75’ Liguori sv), Marcucci 6 A disp: Nappi, Motta, Rossi, De Maio All. Squillante 6.5
ISOLA DI PROCIDA: Capece 6, Esposito 6, Autiero 6.5 ( 88’ Malgieri M. sv ), Anelli 6( 68’ Ambrosino Dav sv),Busiello 7, Franco 6, Pirone 6.5 (79’ Costagliola sv),Gaveglia 6, Liccardi 6,Intartaglia 6, Ambrosino Dom. 6 All. Cibelli 6
ARBITRO: Santolo Lippiello di Avellino 6.5
RETI: 59’ Feola (vis)
NOTE: spettatori un centinaio circa: gara caratterizzata da un forte vento; ammoniti: Marcucci,Feola; angoli :3-4; minuti di recupero :5’pt, 6’st
SANTAMARIAAVICO. Funziona la cura del marines Squillante sulla panchina della Vis . A lui il metodo di aver trovato l’antidoto giusto per ridare un sorriso e un senso alla stagione della Vis. Con lui in panchina 3 partite con uno score di 7 punti e 0 reti subite. Momentaneo secondo posto in classifica con 11 punti , non male il cammino della neopromossa Vis San Nicola. Il forte vento ha caratterizzato la gara con delle traiettorie ingannevoli che hanno impensierito e non poco  i portieri Parlapiano e Capece uomini di assoluto valore del reparto arretrato. Tifosi della Vis in silenzio in tribuna per i primi 15 minuti:contestazione pacifica contro il continuo peregrinare dall’inizio del campionato della squadra alla ricerca ancora del debutto al “Clemente”.Tra i padroni di casa pesanti le defezioni dell’ultimo momento di Russo e Caputo che vanno ad aggiungersi a quella di Moretti. Isolani senza lo squalificato Musella appiedato per 3 turni dal giudice sportivo.  Al 9’ l’attaccante della Vis Ciro De Luca carica il suo destro di poco a lato. Isolani pericolosi con capitan Intartaglia che al 13’s’inventa una traiettoria pericolosa che termina tra le braccia di Parlapiano. La premiata ditta Pirone-Intartaglia inventa gioco e assist.Al 34’ su punizione Intartaglia impensierisce e non poco Parlapiano ma il giaguaro sannicolese come sempre è in stato di grazia. Al 38’ isolani ancora pericolosi con Pirone abile nello smarcarsi e inventarsi una traiettoria che termina a lato. Tiro centrale del bomber Marcucci al 39’ neutralizzato da Capece. Al 43’ ancora Procida pericoloso con una bella incursione di Autiero sulla fascia sinistra bravo nel servire Liccardi in area per una bella conclusione a volo fuori di poco. Gaveglia pericoloso su punizione al 45’ con isolani protesi in attacco nei minuti finali della prima frazione di gioco chiusa con ben 5 minuti di recupero. Durante l’intervallo il marines Squillante catechizza a dovere i suoi e in campo nella ripresa una squadra più reattiva. Al 52’ il peperino Intartaglia pesca libero Ambrosino con l’uscita in presa sicura di Parlapiano. Il gol dei padroni di casa al 56’ : da una punizione dal vertice di destra Di Maio scodella al centro dell’area. Respinta sulla difesa la prima conclusione di Colantuoni ma nella successiva Feola  al 59’ con un guizzo da campione sferra un destro che s’insacca alle spalle di Capece .Mister Cibelli rinforza l’attacco inserendo Davide Ambrosino a dar man forte a Liccardi. Al 75’ padroni di casa pericolosi con Marcucci imbeccato alla perfezione da D’Auria ma la conclusione termina tra le braccia del portiere isolano.Dopo una velenosa conclusione di Ambrosino al 79’ , ecco l’occasionissima isolana al 90’. Capitan Intartaglia s’inventa una magnifica traiettoria da fuori area che complice il vento non inganna un super Parlapiano mostruoso nel deviare in angolo con un prodigioso colpo di reni. Dopo 6 minuti di recupero ecco la gioia dei giocatori sannicolese di fronte ai propri sostenitori per un successo fondamentale che proietta la squadra alle prime posizioni della classifica. La vittoria vale oro come sottolinea il presidente Martire:” Il forte vento ha condizionato la gara. Contento per la vittoria. Un applauso a giaguaro Parlapiano un signor professionista che si allena in silenzio da agosto con serietà,dedizione alla causa e grande professionalità. E’ la vittoria del gruppo del marines Squillante”
Mario Fantaccione