Grande successo per lo spettacolo “A lo stesso punto. Però  a N’ata parte”, scritto da Paolo Capozzo e messo in scena al teatro “99 Posti” di Mercogliano. La rappresentazione artistica approda al Teatro Tram di via Port’Alba a Napoli, dove da domani, 25 novembre, fino a domenica 28, sarà in scena. Un grande successo, dunque, per il “99 Posti”, specializzato nella ricerca contemporanea, che approda nell’istituzione teatrale napoletana, punto di riferimento  della programmazione di opere di ricerca e sperimentazione. Sul palcoscenico, Paolo Capozzo, Maurizio Picariello, con Vito Scalia, per la regia di Gianni Di Nardo. Domani, alle 19, sulla pagina face book di tramteatro, la diretta per introdurre nell’atmosfera dello spettacolo. I protagonisti sono Prisco e Mostino, due “Zuorri”, ossia due figure semplici, ma creative, che si risvegliano dopo la pandemia, in un teatro vuoto. Inizialmente smarriti, trovano un copione ed iniziano la loro avventura. La performance, originale anche nel linguaggio somigliante ad un gramelot,, recitano per sopravvivere, cimentandosi in autori impegnati, come Shakespeare e Beckett. “Siamo orgogliosi di essere al Teatro Tram”- spiega Paolo Capozzo- per la qualità delle scelte artistiche di questo tempio del teatro contemporaneo campano. Il nostro racconto coniuga classicità e sperimentazione, con una commistione tra teatro popolare e letteratura teatrale”-. I due “Zuorri” risultano estremamente empatici, e  guidano lo spettatore in un’atmosfera surreale, dove tutto può riempirsi dei propri stati d’animo e di fantasie. Una metafora di rinascita, dunque, ad una nuova vita.