In un pomeriggio pieno di sole in piazza San Rocco a Flumeri si è svolta la cerimonia della benedizione dell’Albero della Pace, effettuata da Don Claudio Lettieri Parroco di Flumeri e Trevico.

Un albero di ulivo, che l’Associazione di Volontariato Bagliori di Luce di Flumeri, installa ogni anno in piazza San Rocco, a simboleggiare la pace, la fratellanza, l’unione tra i popoli del mondo. Basti pensare, che anche l’UNESCO ha posto nel proprio simbolo due  ramoscelli d’ulivo, che inglobano il mondo, abbracciandolo, per preservare lo stesso da guerre  e violenze in genere.

Piazza San Rocco, per l’occasione era piena di bambini accompagnati dai loro genitori,che circondando l’albero, con le loro entusiaste grida, hanno la festeggiato l’avvenimento accompagnando la benedizione del Parroco, che tra l’altro ha detto “ questo avvenimento bellissimo che, l’Associazione  Bagliori di Luce annualmente promuove, è un momento in cui riunisce tutti, la Pasqua, direi anche la benedizione che si fa dell’albero della vita, l’ulivo simbolo di pace e diventa anche per noi un momento d’impegno e di testimonianza  verso i piccoli, perché saranno loro il futuro delle nostre comunità. E allora ben vengano, questi momenti in cui si evidenzia l’importanza di essere costruttori di pace e non divisione di guerra “.

Alla cerimonia è intervenuto anche il Sindaco di Flumeri Angelo A. Lanza, il quale nel saluto agli intervenuti ha dichiarato “ la manifestazione è diventata importante per la comunità, l’albero della pace racchiude dei concetti immensi, parliamo non solo della pace nella nostra comunità, nelle nostre famiglie, ma in senso più allargato la pace  nel mondo che oggi purtroppo non vediamo perchè non c’è. E, questo è un gesto simbolico importante che, cade alla vigilia della domenica delle palme, giornata  simbolo della pace e speriamo, che serva a far cadere la pace nel cuore di tutti “.

La cerimonia é terminata con il saluto di Antonietta Raduazzo presidente di Bagliori di Luce rivolto ai bambini, ai loro genitori e alle autorità per la loro presenza. Un plauso e ringraziamenti a tutti gli associati e alle persone esterne, che con il loro aiuto hanno reso possibile questa manifestazione.