Harambee – Movimento per i Beni Comuni aderisce all’iniziativa “Nun te regghe più”.
L’iniziativa risponde a questo sito http://nunteregghepiu.altervista.org/
Su queste pagine è possibile trovare tutte le informazioni utili relative all’iniziativa.
Essa consiste in una proposta di legge di iniziativa popolare con cui adeguare gli stipendi e i privilegi dei nostri politici italiani alla media di quelli europei, di gran lunga più ragionevoli.
Harambee ritiene che la politica sia il solo metodo per amministrare lo stato e i beni comuni. Il nostro Movimento giudica ogni sentimento di anti-politica come una deriva pericolosa che può portare i popoli verso sistemi di governo dittatoriali.
Harambee è del tutto consapevole che il risparmio economico reale che si ottiene abbassando gli stipendi e i privilegi della nostra classe politica è del tutto irrilevante sul bilancio statale. Ne facciamo infatti non una questione economica, bensì di etica e morale politica. Non è pensabile che in un momento di crisi come questo chi deve muovere le leve dello stato per risollevare i cittadini dalla miseria deve invece viaggiare su un tenore di vita così tanto lontano dai soggetti da tutelare.
La classe politica italiana attuale è la più pagata e al tempo stesso la meno qualificata d’Europa. C’è necessariamente bisogno di elevare la qualità ed abbassare il dislivello di vita rispetto ai rappresentati.
Sul territorio di Ariano Irpino Harambee è il referente ufficiale per il coordinamento delle azioni politiche da intraprendere per la raccolta delle firme, indispensabili per la presentazione della proposta in parlamento.
Il gruppo di lavoro formato è “Etica, morale e correttezza in politica” e si occuperà della partnership con “Nun te regghe più”.
In questo dicembre Harambee organizzerà gazebo ed altre iniziative per la raccolta firme e per spiegare ai cittadini in che modo è possibile presentare una proposta di legge di iniziativa popolare.
L’innalzamento della partecipazione democratica diretta passa anche e soprattutto per queste cose.
Attualmente il gruppo è composto dagli attivisti:
Valentina Pietrolà (Coordinatrice del gruppo)
Roberto Tulipano
Daniele Cambria