SALERNO – Archiviata in scioltezza anche la pratica Sassari, fino a qualche mese fa, pratica difficilissima da sbrigare e sempre decisiva per la conquista di un titolo, la Jomi punta al prossimo delicato impegno di campionato avendo sempre un pensiero alle nuove rivali del Conversano con le quali le salernitane condividono la testa della classifica. Sabato le Campionesse d’Italia saranno di scena a Palermo sul campo della matricola terribile Scinà, terza in classifica generale ed autentica rivelazione della stagione in corso. Sarà una gara decisiva per la composizione del quartetto che si contenderà il titolo italiano nella “fase ad orologio” quella in programma sabato. Le siciliane, infatti, dovranno cercare la vittoria per non giocarsi il tutto per tutto nell’insidiosa gara di Teramo. Circostanza, questa, che rende ancor più arduo il confronto. “Già in condizioni di normalità l’impegno in Sicilia avrebbe presentato grandi difficoltà – sottolinea coach Nasta – e questo in considerazione del valore del team siciliano, ma in relazione al grande equilibrio di valori che sta accompagnando la lotta per l’accesso alla seconda fase è presumibile immaginare per sabato una vera e propria battaglia agonistica. Loro vorranno fare risultato pieno per blindare il terzo posto e noi non saremo da meno non volendo far scappar via il Conversano alla vigilia dello scontro diretto. Ci attende una gara combattutissima”. Il sette siciliano allenato da Salvo Cardaci punta con decisione ad un piazzamento immediatamente alle spalle dell’inarrivabile coppia di testa anche per finalizzare un campionato condotto, fin qui, al di là delle aspettative generali. “Ma lo Scinà è una sorpresa solo per chi non conosce il valore di queste atlete e la bravura del loro allenatore. Hanno allestito una squadra tosta, con giocatrici di grande esperienza e giovani molto interessanti. Personalmente – aggiunge Nasta – non mi sorprende il loro rendimento in campionato”. La Jomi partirà per Palermo nella giornata di venerdì, aggregata al gruppo anche Laura Avram reduce da qualche piccolo acciacco ma a disposizione del coach salernitano.