Grinta, sacrificio e spirito combattente  quello ammirato fin qui dai tigrotti. Un inizio di torneo soddisfacente per il team del presidente Sestile raggiante per la vittoria di domenica contro la Frattese. Doverosi i riflettori puntati su un tecnico serio e professionista come Mazziotti un vincente al cospetto di un ambiente ebbro di gioia. Giusto ritornare subito con i piedi per terra preparando al meglio la doppia sfida imminente:giovedì contro il Barano e domenica mattina il turno di campionato a San Giorgio contro il San Sebastiano. Il morale è alto :merito dei ragazzi che si allenano col sorriso sulle labbra e hanno preso a cuore la gloriosa maglia gialloblù. Non è una maglia qualsiasi, è la maglia dei tigrotti che emana fascino e magia. Quel famoso patto di sangue come annunciato dal ds Stiletti porta ad una sorta di legame magico tra la squadra e tifoseria pronta a seguire ovunque le gesta di Di Matteo  e company. A far da pompiere giustamente un soddisfatto tecnico Mazziotti:”Battere la Frattese ha voluto dire che siamo una squadra che sa soffrire. Tiriamo fuori gli artigli e non vogliamo mai mollare. Quando scendiamo in campo, tiriamo sempre il massimo. Non faccio mai tabelle, sto preparando la gara col Barano. Se manteniamo compattezza, umiltà e sacrificio ce la giochiamo alla pari con tutti. Non siamo una corazzata ma un gruppo di grandi uomini. Mai visto sceneggiate o proteste eccessive da parte dei miei giocatori. Una rosa ampia permette le giuste rotazioni Non conoscevo nessuno di questi ragazzi. Valuto il lavoro che si fa di settimana in settimana. Reppucci è un giocatore normale insieme a tutti gli altri. Non è quel talento che può dare qualcosa in più. E’ valido e puntiamo su di lui come Coronella, Palumbo  o Loreto che sta andando in tribuna.Sono stato chiaro con i ragazzi:la mia sfida è quella di rimanere tutti insieme fino alla fine. Nel momento in cui Reppucci viene chiamato in causa e risponde bene, tanto di guadagnato per il Giugliano. Chi entra deve dare di più di quello che sta giocando. Difficile mantenere l’entusiasmo in questo periodo. Si è creato un solido legame col presidente che ha una voglia di fare coinvolgente. E’cresciuto un entusiasmo costante. Il campo ci dà ragione perché questo starci vicino perché essere tifosi prima e poi dirigenti ci aiuta a creare un rapporto speciale con una società che non ci fa mancare nulla. C’è la grande voglia di allenarsi, di venire al campo . Non ho musi lunghi nello spogliatoio, c’è gente che si sta giocando qualcosa di bello. L’entusiasmo è particolare. Giugliano pretende risultati. I risultati arriveranno nel corso degli anni. Disputiamo un campionato duro con degli uomini seri. C’è bisogno di pazienza. La nostra crescita deve continuare. Se arrivano vittorie siamo tutti felici”
MARIO FANTACCIONE