NAPOLI – Coldiretti Campania e Ufficio Scolastico Regionale hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per favorire la relazione tra istruzione e territorio, per promuovere l’alternanza scuola-lavoro, per  rafforzare la diffusione della cultura e del valore della ricerca agroalimentare. Hanno firmato il documento, a valere su tutto il territorio della Campania, il vice presidente nazionale di Coldiretti Gennarino Masiello e il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Luisa Franzese, alla presenza di dirigenti dell’organizzazione e di una rappresentanza dei docenti.

 

Il protocollo segue una fase sperimentale della collaborazione, che si è svolta negli ultimi tre mesi in sei Istituti Agrari: il De Sanctis- D’Agostino di Avellino, il Medi di San Bartolomeo in Galdo (Benevento), il Buonarroti di Caserta, il Tognazzi-De Cillis di Napoli, il ProfAgri di Salerno e l’Istituto Cicerone di Sala Consilina (Salerno). Con la sottoscrizione dell’accordo strutturale, l’intesa si estende a tutti gli istituti scolastici sul territorio regionale, con particolare attenzione verso chi si occupa di cultura agroalimentare. Dopo l’introduzione del direttore di Coldiretti Campania SalvatoreLoffreda, sono intervenuti Antonio Falessi, coordinatore scientifico di AgriSmart, che ha tenuto un focus sul PSR, e Ermanno Coppola, responsabile nazionale area sicurezza alimentare della Fondazione Campagna Amica, che ha approfondito il tema della corretta etichettatura.

 

“La collaborazione con il mondo della scuola campano – sottolinea Gennarino Masiello, vice presidente nazionale di Coldiretti e presidente della federazione regionale – diventa stabile con questo protocollo. È una novità assoluta in Campania, con la possibilità di una osmosi interessante tra la nostra organizzazione e gli istituti superiori. È un’opportunità reciproca che cade nel momento giusto, in una fase storica in cui cresce l’attenzione dei consumatori verso il cibo di qualità ma nello stesso tempo si fanno più aggressivi i falsi, i furti di identità e la concorrenza sleale. Coldiretti punta  a coadiuvare gli Istituti, in particolare attraverso la rete di Campagna Amica, nella progettazione e realizzazione di profili educativi e percorsi formativi caratterizzati dall’integrazione tra l’offerta formativa della scuola, le competenze e conoscenze richieste dal mondo del lavoro e le esigenze di orientamento degli studenti. Un percorso che favorirà le traiettorie dell’agricoltura del futuro in Campania, accompagnando la crescita delle figure professionali che aiuteranno le imprese ad affrontare le grandi sfide della distintività e della tracciabilità del made in Italy e del made in Campania”.

 

“Il protocollo suggella una collaborazione di grande rilevanza per le scuole della nostra regione – commenta Luisa Franzese, direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale – che mira ad accrescere nelle studentesse e negli studenti l’acquisizione di competenze tecnico-professionali e ad incrementare le possibilità di accesso al mondo del lavoro attraverso lo scambio di esperienze e l’incontro tra le imprese e il mondo della scuola. Un percorso concreto  finalizzato al potenziamento del settore agricolo, alla valorizzazione della multifunzionalità agricola, alla promozione dell’imprenditorialità giovanile nel settore  potenziando le attività di orientamento e alternanza scuola-lavoro previste dalla Legge”.