Un insaziabile Daniel Marcellusi (Tutti a Ruota-Cicli Montanini), sotto ogni punto di vista, ha vinto ad Anagni (Frosinone) il Memorial Vittorio Nereggi-Trofeo Dino Cardinali battendo i compagni di fuga Fabio Conte (Molise Ricambi), Andrea Cacciotti (UC Anagni-Team Nereggi) e Rocco Fuggiano (GS Ciclistico Grottaglie). Una gara all’arrembaggio per i quattro corridori che hanno monopolizzato in larga parte l’appuntamento riservato alla categoria allievi e organizzato con la passione e la meticolosità dell’UC Anagni Team Nereggi.

L’ottava edizione della manifestazione è stata ampiamente ricambiata dall’entusiasmo dei 90 rappresentanti della categoria allievi provenienti da Lazio, Abruzzo, Campania, Molise, Puglia, Basilicata e Sicilia che si sono cimentati sul percorso di appena 70 chilometri nei dintorni di Anagni con lo strappo al 10% della contrada San Filippo e l’ultimo chilometro in salita verso il centro della Città dei Papi.

Con il primo vero caldo stagionale, la gara ha vissuto momenti di grande agonismo e spettacolo per un appuntamento valevole come prova unica di campionato regionale laziale sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana-Comitato Regionale Lazio. Attorno al quindicesimo chilometro di corsa si è registrata la prima fuga di giornata con Matteo Strizzi (SS NoCe Euro 90) che arrivava a guadagnare un vantaggio massimo di 15” arrendendosi dopo lo scollinamento ad Anagni quando era iniziato il secondo giro. Da quel momento la leadership della corsa è toccata a Pierfrancesco Orlandi (Cycling Team Coratti) e Francesco Petrosino (GS Ciclistico Grottaglie) che si sono avvantaggiati giusto per tenere allungato il gruppo e dettare il ritmo sulle dure rampe di San Filippo.

Successivamente, su iniziativa personale di Pierangelo Ursetto (Pianura Visconti), è nato l’audace attacco del quintetto Daniel Marcellusi (Tutti a Ruota Cicli Montanini), Andrea Vernetti (Pianura Visconti), Fabio Conte (Molise Ricambi), Andrea Cacciotti (UC Anagni-Team Nereggi) e Rocco Fuggiano (GS Ciclistico Grottaglie) in risposta al forcing di Ursetto presto ripreso dal gruppo.

A metà corsa, i cinque avevano toccato rapidamente un vantaggio superiore al minuto ma col passare dei chilometri il drappello al comando è rimasto orfano di Vernetti e, a seguito della bagarre promossa dagli attivissimi Conte e Fuggiano, anche Marcellusi aveva perso leggermente contatto. A quest’ultimo è stata decisiva la discesa dopo il passaggio al traguardo (inizio dell’ultimo giro) per riprendere decisamente la testa della corsa e non mollarla più fino alla fine nuovamente assieme a Cacciotti, Conte e Fuggiano.

In vista dell’arrivo in salita, c’è stata ancora bagarre che è costata molto cara a Fuggiano e a 200 metri del traguardo anche a Cacciotti: preludio per un’altra sfida Marcellusi-Conte (per la seconda gara di fila) con il primo che provava a rintuzzare gli attacchi del secondo. A conferma del suo invidiabile stato di forma, l’atleta della Tutti a Ruota-Cicli Montanini non ha fallito il bersaglio centrando il successo assoluto e la maglia di campione regionale.

Dignitosa anche la performance di Conte, secondo all’arrivo: ancora una volta in evidenza sulle strade di Frosinone che gli sono state amiche lo scorso anno vincendo il Trofeo Val Comino ma sul circuito di Anagni ha mostrato ancora tutta la sua determinazione.

Con un ritardo di 20 secondi si è classificato Cacciotti: un risultato che nel complesso lo soddisfa specie quando la strada sale ma che ha dovuto ancora una volta rinviare l’appuntamento con la prima vittoria della stagione.

Al quarto posto ha tagliato il traguardo piuttosto staccato un generosissimo Rocco Fuggiano che non si è abbattuto per il piazzamento ma ha creduto fino in fondo nel podio facendo vedere di che pasta è fatto.

Alle spalle dei quattro audaci fuggitivi, il quinto posto finale è stato ad appannaggio di un Andrea Miat (Cycling Team Coratti) in crescita di condizione riuscendo addirittura a recuperare su Vernetti nel corso dell’ultimo giro.

Non voglio sbilanciarmi troppo, piuttosto godermi questa sesta vittoria e la maglia di campione regionale su strada che mi mancava da 3 anni. Dopo una gara impegnativa, negli ultimi 200 metri sono stato il più coperto possibile iniziando la volata a meno di 100 metri. Sto correndo su buoni livelli” ha affermato Daniel Marcellusi nato a Roma il 27 gennaio 1996. Cresciuto tra i giovanissimi con la formazione Tutti a Ruota-Villaggio Prenestino, da esordiente è passato alla Vigili del Fuoco conquistando 15 vittorie compreso il campionato laziale su strada nel 2009. Dopo un’annata da allievo primo anno con la Cycling Team Elleci nel quale ha vinto il titolo laziale a cronometro, quest’anno è alla sesta vittoria stagionale con la nuova casacca della Tutti a Ruota-Cicli Montanini aggiudicandosi la Coppa Cei, il Trofeo San Sisto, il Trofeo San Vincenzo-Sant’Egidio, la Coppa Circolo Arci Renzino e il Memorial Giuseppe Lunelli guarda caso proprio su Fabio Conte che ha commentato: “Oggi non mi è mancato niente ma è un periodo che non riesco proprio a vincere – ha spiegato l’atleta della Molise Ricambi, 1 vittoria nella stagione 2011 -. Sto collezionando tanti secondi posti ma ciò che più conta, però, è continuare a pedalare con il piglio giusto”.

Non è il caso di piangersi addosso perché questo terzo posto mi ha soddisfatto ugualmente. Finalmente sto cominciando ad ingranare bene e prima o poi la vittoria arriverà” ha dichiarato il terzo classificato Andrea Cacciotti, l’atleta di Colleferro (Roma), in forza all’UC Anagni-Team Nereggi dalla categoria G4 con 2 vittorie tra gli esordienti e 1 vittoria ottenuta lo scorso anno da allievo primo anno.

Nel corso della gara e della cerimonia di premiazione, il forte corridore della Liquigas-Cannondale Valerio Agnoli è stato uno degli ospiti d’onore assieme ai presenti Fausto Scotti (direttore tecnico della nazionale italiana di ciclocross e tecnico del Piano Solidale), Angelo Caliciotti (presidente FCI Lazio), Tony Vernile e Mauro Tanfi (vice presidente FCI Lazio), Gildo Pagliaroli e Antonio Ziantoni (struttura tecnica FCI Lazio).

Dopo il Giro d’Italia inizia una stagione abbastanza intensa per la mia squadra – ha affermato Valerio Agnoli, professionista dal 2005 e in forza alla Liquigas dalla stagione 2008 – con l’obiettivo di supportare i nostri capitani al meglio e riportare qualche altro prestigioso risultato in squadra. Nelle mie poche giornate di libertà cerco sempre di sfruttarle al massimo. Nelle gare minori cerco sempre di concretizzare ma nelle grandi corse si è sempre al servizio dei propri capitani. Un plauso ai primi tre classificati Marcellusi, Conte e Cacciotti. Sono corridori che vogliono ambire a grandi soddisfazioni ma anche a tutti gli altri corridori che hanno partecipato, in queste età bisogna stare tranquilli, sereni e finire la scuola perché la bicicletta è soltanto una delle parentesi della vita”.

Saluto con grande piacere Agnoli perché è disponibile e sempre presente – ha dichiarato Angelo Caliciotti -. È piacevole anche per i ragazzi che aspirano a seguire le sue gesta. La nostra attività regionale è buona nonostante la crisi economica che ci attanaglia con tante manifestazioni che hanno bisogno del contributo di tutti. L’augurio di riprenderci bene con nervi saldi e nella speranza di migliorarci. In occasioni come queste, è bello vedere tanti giovani che corrono, che si danno battaglia, che si confrontano con atleti di altre regioni e che fanno sempre più esperienza. Questo grazie anche al progetto Piano Solidale frutto di accordi e intese tra i comitati regionali con la speranza di tirare fuori tanti altri campioni come il qui presente Agnoli perché questi ragazzi sono tutti nostri figli”.

Complimenti a tutti i partecipanti – è stato il commento di Fausto Scotti -. È stata una gara un po’ dura e rimasta sulle gambe secondo gli addetti ai lavori ma alla fine le gare le fanno solo gli atleti. Sono onorato di essere presente a questa manifestazione perché Vittorio Nereggi è stato un grande amico di mio padre Romano. Stiamo portando avanti la crescita di questi ragazzi col progetto del Piano Solidale con l’obiettivo di lavorare per il futuro di questi ragazzi, per cercare società che possano dare sostegno e seguirli anche dopo l’attività juniores. L’aiuto maggiore viene dalle famiglie e dalle società sportive che fanno veramente tanti sacrifici”.

A conclusione della manifestazione, con le premiazioni e la vestizione della maglia di campione regionale a Marcellusi, gli organizzatori dell’UC Anagni-Team Nereggi hanno voluto ringraziare la famiglia Cardinali con il figlio Francesco, il Comune di Anagni, il Comando dei Vigili Urbani, la Protezione Civile, il servizio medico curato da Raffaele Palmieri, la direzione di corsa a cura di Agildo Mascitti (coaudivato per l’occasione da Mauro Benacquista), l’immancabile servizio di scorta tecnica e di radio corsa del Gruppo Vessella, il lavoro di ordinaria amministrazione dei commissari di gara federali (Angelo Carcione, Alberta Baglione e Claudio Cerica) e il maglificio sportivo Leda Sport.

Dagli organizzatori, agli atleti e tutti gli addetti ai lavori stretti a fianco dei familiari dei compianti Vittorio Nereggi (presenti i figli Luigi, Claudio e Loredana) e Dino Cardinali (con il figlio Francesco) per non dimenticare le due figure storiche del ciclismo in terra di Ciociaria ma si è anche sollevato il grido di Forza Danilo per manifestare ancor di più l’affetto e la vicinanza al corridore Danilo Massimi che da alcuni giorni ha ricevuto la maglia rosa del canadese Ryder Hesjedal del recente Giro d’Italia (il link http://www.ciclonews.it/ora.php?id=643)

ORDINE D’ARRIVO MEMORIAL VITTORIO NEREGGI-TROFEO DINO CARDINALI
1. Marcellusi Daniel (Tutti A Ruota-Cicli Montanini) 1.54’32”
2. Conte Fabio (Molise Ricambi)
3. Cacciotti Andrea (U.C.Anagni Team Nereggi A.S.D.)
4. Fuggiano Rocco (G.S. Ciclistico Grottaglie-A.S.D.)
5. Miat Andrea (Cycling Team Coratti)
6. Perna Simone (Bruscianese Cicli Perna Balzano)
7. Di Maria Giovanni (Team Toscano)
8. Milano Luca (Molise Ricambi)
9. Martino Vincenzo (Bruscianese Cicli Perna Balzano)
10. Grama Florin Cosmin (Tutti A Ruota-Cicli Montanini)
11. Garzi Lorenzo (U.C.Anagni Team Nereggi A.S.D.)
12. Mauti Rossano (Latinense Bike)
13. Rondinone Daniele (Serramenti De Facentis Farnese Vini)
14. D’Elia Michele (G.S. Ciclistico Grottaglie-A.S.D.)
15. Petrosino Francesco (G.S. Ciclistico Grottaglie-A.S.D.)
16. Germana’ Simone (Team Toscano)
17. Carbè Giovanni (Team Toscano)
18. Ursetto Pierangelo (Pianura Visconti)
19. Teti Antonio (Bruscianese Cicli Perna Balzano)
20. Di Maiolo Antonio (Bruscianese Cicli Perna Balzano)
21. Nicassio Saverio (G.S. Ciclistico Grottaglie-A.S.D.)
22. Masciarelli Diego (S.S No-Ce – Euro 90)
23. Capomaccio Gabriele (Latinense Bike)
24. Carrillo Marcello (Pedale Bellonese)
25. Lucarelli Alessandro (Latinense Bike)
26. Galeno Fabrizio (Cycling Team Coratti)
27. Cardarilli Marco (A.S.D. Velosport Ferentino T.N.G.)
28. La Scala Federico (G.S. Ciclistico Grottaglie-A.S.D.)
29. Strizzi Matteo (S.S No-Ce – Euro 90)