“Complimenti a Diego Ulissi e a tutta la Lampre Merida per la vittoria nella Coppa Sabatini – ha dichiarato il team manager Gianni Savio – noi abbiamo corso bene, loro benissimo. Abbiamo cercato in tutti i modi di sfiancare la squadra che sapevamo essere la più forte, attaccando sin dall’inizio. Loro sono riusciti a mantenere sempre il controllo della gara, hanno davvero meritato il successo. Se è vero che nella classifica del campionato italiano si è ridotto il nostro vantaggio sulla Lampre Merida, è altrettanto vero che, con matematica certezza, non potemo più essere raggiunti dalle nostre dirette concorrenti, le Professional Vini Fantini Selle Italia e Bardiani CSF. Missione compiuta, quindi perché abbiamo raggiunto a due giornate dal termine del campionato l’obiettivo che ci eravamo prefissi fin da inizio stagione”.

Sul circuito di Peccioli, la Androni Venezuela ha corso all’attacco per tutto l’arco della gara prima con Antonino Parrinello protagonista con altri cinque atleti di una fuga per oltre 150 km., poi nel finale con gli stagisti Gianfranco Zilioli e Ilia Koshevoy.

Con tre uomini nei Top Ten – Franco Pellizotti 4°, Andrea Zordan 6° e Miguel Angel Rubiano 9° – la formazione italo-venezuelana si è imposta nella classifica a Squadre.