La Campania è la regina del Sud nel 2016 nella vendita a domicilio, con un fatturato di 167 milioni 637 mila euro. Secondo le rilevazioni del Centro Studi Univendita sulle proprie aziende associate, la Campania ha realizzato il secondo risultato a livello nazionale e rappresenta il 10,2% delle vendite, che hanno raggiunto nel 2016 la cifra di 1 miliardo 643 milioni di euro (+2,6% rispetto all’anno precedente).

Nel Sud e Isole, area che vale il 35,2% del fatturato nazionale, la Campania è la regione che esprime il fatturato più alto; Sicilia e Puglia valgono rispettivamente il 7,4% e il 7,2% del totale nazionale, le altre seguono a distanza. Nella geografia nazionale della vendita diretta a domicilio ha fatto meglio della Campania solo la Lombardia (250 milioni di euro); al terzo posto il Veneto, (156 milioni di euro). Se si guarda alle aree geografiche, è proprio il Sud e Isole a guidare la classifica con il 35,2% del fatturato (578 milioni di euro); seguono Nord Ovest (424 milioni di euro), Nord Est (353 milioni di euro) e Centro (288 milioni).

Quanto agli addetti alla vendita, nella classifica della presenza dei venditori la Campania è seconda  con 22.100 venditori a domicilio, pari al 14,1% del totale (157.000 addetti). Al primo posto c’è la Lombardia (24.800 addetti) e al terzo la Sicilia (con 20.700 addetti). Guardando alle aree geografiche è al Sud e Isole che nel 2016 si è concentrato il maggior numero di venditori (74.400 addetti pari al 47,4% del totale); seguono il Nord Ovest con 37.000 addetti, il Nord Est con 23.200 addetti e il Centro con 22.300 addetti.

«La Campania è da sempre la regione guida del Sud per quanto riguarda la vendita diretta a domicilio –dichiara Ciro Sinatra, presidente Univendita–. In una congiuntura economica ancora molto difficile, la vendita diretta si è confermata in questi anni in Campania un’opportunità economica e professionale importante. In un’area dove l’occupazione femminile è storicamente bassa, molte donne vedono nella vendita a domicilio un’occasione di guadagno e crescita sia full time sia part time, per integrare il reddito familiare. E la vendita diretta è un’opzione anche per giovani e over 50, categorie che faticano più delle altre a entrare, o rientrare, nel mondo del lavoro».

 

Univendita (www.univendita.it) Qualità, innovazione, servizio al cliente, elevati standard etici. Sono queste le parole d’ordine di Univendita, la maggiore associazione del settore che riunisce l’eccellenza della vendita diretta a domicilio. All’associazione aderiscono 18 aziende: AMC Italia, Avon Cosmetics, bofrost* Italia, CartOrange, Conte Ottavio Piccolomini d’Aragona, Dalmesse Italia, Fi.Ma.Stars, Jafra Cosmetics, Just Italia, Lux Italia, Nuove Idee, Ringana Italia, Tupperware Italia, Uniquepels Alta Cosmesi, Vast & Fast, Vorwerk Contempora, Vorwerk Folletto, Witt Italia che danno vita a una realtà che mira a riunire l’eccellenza delle imprese di vendita diretta a domicilio con l’obiettivo di «rafforzare la credibilità e la reputazione del settore tra i consumatori e verso le istituzioni». Univendita aderisce a Confcommercio.

La vendita diretta in Italia ha fatturato complessivamente 3,6 miliardi di euro nel 2016. Univendita, con oltre 1,6 miliardi pari al 46% del valore dell’intero comparto, rappresenta quasi la metà del mercato (fonte: Format Research, marzo 2017).