Il progetto «C.A.M. CreativeLAB», dal forte impatto innovativo e sperimentale, programma di Idea Generation co-finanziato circa un anno fa da Sviluppo Campania Spa e nato dal connubio di idee condivise tra il dott.Luca Mauriello Presidente del C.d.A. della Projenia Soc. Coop. (consulenza aziendale) e dall’ing. Michele Meccariello, Direttore della C.A.M S.r.l. – Compositi Avanzati Meridionali, diventa argomento di una Tesi di Laurea Magistrale in Economia e Gestione della Conoscenza e dell’Innovazione, discussa nella seduta del 16 maggio 2017 presso il DEMM – Università degli Studi den Sannio, dalla neo dott.ssa Ilenia Casale di Cervinara, coordinata dalla relatrice prof.ssa Mirella Migliaccio e dai correlatori prof.ri F.Amatucci e M.Rossi.

La giovane caudina che ha partecipato attivamente al Programma di Idea Generation,  consistente nello studio del riutilizzo economico degli scarti derivanti dalla lavorazione delle parti e materiali compositi in fibre di carbonio impiegati dalla CAM s.r.l. per la lavorazione di componenti aeronautici , considerati materia prima ad <<alto valore aggiunto>> nella produzione di prodotti innovativi per lo sviluppo di nuove idee di business. Durante l’intenso programma della durata di circa 3 mesi presso lo stabilimento industriale della CAM S.r.l. di Paolisi , la dott.ssa Ilenia Casale ha condotto insieme ai consulenti aziendali della Projenia Soc. Coop. un lavoro di ricerca di mercato relativo al riutilizzo in altri settori economici degli scarti di materia prima che per la CAM s.r.l. costituiscono costi di gestione (sia di smaltimento che di giacenze di magazzino) e un c.d. “costo opportunità”, visto il mancato impiego in altre produzioni.

Ilenia Casale ha difatti lanciato l’idea di una produzione di casse e cinturini in carbonio per orologi, caratterizzati da leggerezza , assoluta impermeabilità ed un’elevata forza di tensione, effettuando dei test e dei sondaggi di opinione anche presso il Centro Orafo IL TARI’ con sede a Marcianise. Il lavoro svolto si è concretizzato nella redazione di un Business Plan relativo alla fattibilità economico e finanziaria dell’iniziativa, tanto da suscitare un forte interesse nell’ambito del mondo imprenditoriale,oltre che ha far meritare alla neo-dottoresa caudina la votazione di 110 e lode e menzione da parte della Commissione di Laurea, vista la brillante esposizione.