Dopo un avvio tutt’altro che entusiasmante, l’Atripalda cerca la svolta della propria stagione nella sfida contro la Calpazio, che assume già i connotati di uno scontro salvezza. Entrambe le squadre vanno a caccia del primo successo, che invertirebbe una rotta pericolosa. I capaccesi ci sono andati vicino nell’ultimo turno di campionato contro la Virtus Scafatese, in occasione del quale hanno dilapidato il doppio svantaggio di 3-1 nella ripresa.  Gli uomini di Ivan Solimeno, dunque, giungeranno in Irpinia con un pizzico di rammarico, ma allo stesso tempo determinati a riprendersi quanto perduto contro i canarini. La formazione biancoverde, che proprio con un successo sui pestani nella passata stagione ottenne la salvezza matematica, avrà validi argomenti da opporre. Amato, infatti, ha recuperato Nappi e De Falco, quest’ultimo ex di turno, ed è pronto ad apportare qualche variante allo schieramento tattico. Al centro della difesa mancherà Stompanato, stangato con tre giornate dal Giudice Sportivo e rimpiazzato da capitan Tirri, il quale arretrerà di qualche metro dopo essersi posizionato in cabina di regia al “Menti”. Nessun problema per Di Luccio, le cui condizioni non destano preoccupazione nonostante il lieve acciacco patito in settimana. In riva al Sabato, società e tifosi si augurano di rompere il ghiaccio.