Treviso – Dopo la sconfitta subita in quel di Treviso il coach dell’Air ha così commentato: ”Poco lucidi in alcuni frangenti ma siamo stati comunque attaccati a loro e stante le nostre condizioni fisiche, con l’ultimo infortunio di Dean. Senza lui e Omar in campo loro si sono concentrati molto su Szewczyk creandoci difficoltà. I numeri che però hanno fatto la differenza sono quelli che riguardano i rimbalzi: non abbiamo mai avuto secondi tiri in attacco mentre loro hanno tirato 11 volte in più che in una gara così tirata fanno la differenza. Loro sono stati più bravi di noi, che stiamo spendendo tantissimo stante le limitate risorse fisiche, ma abbiamo dimostrato che non ci manca la tenacia. Spero di recuperare più possibile le energie, fare qualche aggiustamenti e affrontare gara 4 come una finale, vista che è l’ultima prova che abbiamo e vogliamo affrontarla come si deve. Non ci sentiamo assolutamente in vacanza, come abbiamo dimostrato stasera. A rimbalzo qualche spinta di troppo l’abbiamo subita, siamo stati più leggerini e qualche taglia fuori lo si poteva fare meglio; il loro fisico e stazza alla lunga fanno la differenza. Il canestro di Smith ha girato la partita così com’è il tecnico per floppy a Green. Lì ci siamo disuniti facendoli andare in transizione:siamo stati bravi a ricucire  e il divario alla fine è anche un pochino bugiardo. Omar era in sofferenza già all’intervallo, ed ero in dubbio se metterlo o meno, nel secondo tempo, e in una partita così tosta uno come lui serve. Per gara 4 quello che conta è recuperare il più possibile ma. ripeto, sono convinto che ce la giocheremo fino alla fine.”