I Cardi, Il Mosaico, Samarcanda Teatro, I Pappici, Artemanus, Teatro della Crusca, Camomilla a colazione. Sono sette le compagnie teatrali amatoriali, provenienti da tutta la Campania, che si alterneranno sul palco della III edizione della “Rassegna del Teatro Amatoriale di Solofra”.

 

L’iniziativa culturale, con il patrocinio del Comune di Solofra, si terrà per il tutto il mese di luglio

presso il Complesso Monumentale di Santa Chiara a Solofra con inizio alle ore 20.30.

 

A promuovere l’iniziativa l’associazione culturale Compagnia Teatrale “I Cardi” impegnata sul territorio di Solofra, per ogni fascia d’età, dai bambini agli anziani, a diffondere l’arte teatrale per creare aggregazione ed accrescere il senso di comunità attraverso laboratori, progetti, eventi ed iniziative.

 

Hanno  aperto  la  rassegna,  con  una  data  speciale  lo  scorso  venerdì  30  giugno,  i  bambini  della Compagnia Teatrale “I Cardi Junior” con un atto unico dal titolo “Il teatro a Colori” realizzato come chiusura del percorso iniziato grazie al Laboratorio teatrale “Primavera a Teatro”.

 

Sette le date in cui saranno portate in scena più opere locali.

 

Si inizia venerdì 7 luglio con la compagnia Samarcanda Teatro di Battipaglia(SA) con i due atti di “Vado per vedove” di G. Marotta e B. Randone. Il giorno dopo, sabato 8 luglio, entreranno in scena I Pappici di Salerno con “Ce Pensa Mamma” di G. Di Maio. Domenica 9 luglio sarà la volta invece di Artemanus di Manocalzati (AV) con “O’Scarfalietto” di E. Scarpetta.

 

Venerdì 14 luglio si esibiranno gli attori del Teatro della Crusca di Baronissi(SA) con “Baccalà, oliva e cappero” di M. Canzano e E. De Rosa. Sabato 15 luglio in scena ci sarà la compagnia teatrale Camomilla a Colazione di Visciano(NA) con “Burqa” di A. R. Mirisciotti.

 

Sabato 29 luglio sarà la volta dalla compagnia organizzatrice della manifestazione con “Ci risiamo” di

  1. A. Pisano e G. Pacelli.

 

Domenica 30 luglio concluderà la rassegna  Il Mosaico Paestum(SA) con “Gente di facili costumi” di N. Marino.

 

L’intera rassegna è ad ingresso gratuito.