Prosegue senza sosta l’impegno del Governo, della deputazione irpina del Movimento 5 Stelle e del sottosegretario Sibilia per cercare di invertire la rotta nelle aree interne della Campania. Aree che per decenni sono state abbandonate dalla politica nazionale e regionale, portando a mancanza di investimenti, carenze infrastrutturali e conseguente declino economico e demografico.

Il M5S realizza un sogno raccontato in tante campagne elettorali: riapre la storica tratta ferroviaria Avellino Rocchetta grazie a un finanziamento di 14 milioni di euro inseriti da Governo a guida M5S nell’aggiornamento della programmazione di Rfi. Abbiamo portato a casa un bel risultato, una risposta concreta alla più grande emergenza che ci troviamo a combattere: lo spopolamento.

Un nuovo, importante tassello, quindi, che va ad aggiungersi all’opera costante, che vede impegnati Governo e deputazione irpina del Movimento 5 Stelle nella velocizzazione del completamento dell’arteria Grottaminarda-Lioni attraverso la Commissione di sorveglianza, nel potenziamento dell’area industriale della Valle Ufita (anche con la previsione di una piattaforma logistica) e nella creazione di nuovi collegamenti a servizio della futura Stazione Hirpinia.

Il potenziamento della ferrovia Avellino – Rocchetta potrà essere un volano per l’economia delle nostre zone, dando vita a nuovi itinerari turistici e dando la possibilità ai visitatori di far conoscere le bellezze e i prodotti eno-gastronomici della nostra provincia. Una nuova opportunità di lavoro e di crescita, dunque, in risposta alla fuga dei giovani e alla desertificazione del nostro territorio.

Si tratta, inoltre, dell’ennesima risposta a quanti continuano a raccontare di un Movimento 5 Stelle contrario alla costruzione di nuove infrastrutture. Non siamo contrari alle infrastrutture, che sono un volano di crescita imprescindibile del nostro Paese, ma vogliamo che la progettazione delle infrastrutture risponda esclusivamente ai bisogni dei cittadini, in modo da realizzare opere utili, economicamente sostenibili e a basso impatto ambientale.

Il nostro impegno quotidiano a favore delle aree interne continua, e i questi risultati ci spingono a impegnarci ancora di più a dare voce a aree dell’Italia che una voce non l’hanno mai avuta.