Superato, si spera del tutto, il momento pandemia che ha investito l’Italia e mondo intero con il COVID19, la vita con una quasi normalità riprende seppure con le dovute cautele di mascherine, distanze sociali e gel igienizzanti, permettendo così di rincontrarci ed affrontare il dopo Coronavirus. Una delle prime associazioni del bood & beverage, Accoglienza ed Ospitalità, l’Associazione Italiana Barman e Sostenitori, con la sua sezione Campana presieduta dal fiduciario Luigi Gargiulo, ha realizzato il suo primo appuntamento del post virus, ospitato dall’elegante ed accogliente pizza bistrot & restaurant “Varnelli” di proprietà dell’omonimo Francesco Varnelli, amico e socio AIBES, in via Plinio 15 a Pompei. L’incontro ha registrato un buon numero di presenze ed anche se alcuni soci per i quali qualche possibilità di lavoro si è mantenuta ed altri per validi motivi giustificati non hanno potuto essere presenti alla riunione, grazie al Webinar, si è avuta la possibilità per chi era lontano o impossibilitato alla presenza, ma comunque disponibile per qualche ora, di partecipare all’interessante discussione sulle problematiche associative sviluppatesi in questo periodo di fermo e sul come meglio affrontare il futuro. Il fiduciario Gargiulo, ha aperto i lavori salutando i soci presenti e lontani, commiatandosi da loro per il termine del mandato triennale che grazie alla collaborazione di tutto il gruppo direttivo e di tutti i soci, con in primis il vice fiduciario Rosario Restino, ha avuto la possibilità di assolvere mettendo in campo numerose valide ed importanti iniziative che, come lui stesso ha mostrato con la proiezione di un ricco filmato di eventi salienti realizzati, hanno dato un quid di importanza e valenza dell’operato che nei tre anni ha portato l’AIBES Campana ad essere la prima sezione italiana, l’unica con oltre 200 iscritti. Una sezione, quella della Campania, che come altre dell’AIBES e più di altre, nel look down necessariamente comandato per il Coronavirus, hanno tenuto i soci in movimento, in attività informativa e operosa di conoscenze, insegnamenti e raffronti attraverso i tanti Webinar realizzati. Insieme a Gargiulo, Restino e Varnelli, hanno partecipato all’incontro il consigliere nazionale del sodalizio Luigi Sgaglione, il Past vice presidente nazionale Alfonso Casella, i soci Mariano Chirico, Alfonso Lazazzera, Luigi Atripaldi, Vincenzo Frino, Zenone Schirripa, Luigi Accurso, Daniele Sisimbro, Andrea Pinto ed aconra in Webinar il Consiglieri nazionali Francesco Reder e Giovanni Anselmo, i soci Egidio Fiorani, Carlo Bamonte, Antonio Orabona, Carmine Lamberti, Franco Pennacchioni, Franco Carlucci, Nicola Mottola e Luciano Mammarella consigliere nazionale Aibes delegato alla didattica. Mammarella, che ha esposto esaustivamente le possibilità offerte dall’importante accordo raggiunto con l’Agenzia Social Srl per la partecipazione ad un Erasmus operativo in 4 nazioni: Francia, Spagna, Germania e Inghilterra. L’accordo raggiunto, per il secondo anno consecutivo, offre la possibilità a 40 giovani diplomatisi al 5 anno, nell’ultimo anno scolastico degli istituti alberghieri d’Italia, e ancor più coloro che dopo il diploma hanno frequentato un corso AIBES come Aspirante, e quindi a quelli che hanno svolto i loro studi negli istituti che hanno firmato le convenzioni AIBES e dove l’associazione ha svolto manifestazioni con la partecipazione degli alunni a vari trofei istituiti dall’AIBES, di poter partecipare all’Erasmus che quest’anno si svolge in 3 nazioni Germania, Francia e Spagna, con partenza il 22, 25, 27 settembre e rientro il 21, 24, 26 gennaio 2021, in pratica 4 mesi tutto spesato, viaggio, vitto, alloggio ed un plafond per le spese giornaliere che varia dai 1.000 ai 1.400 € secondo i posti loro assegnati, dove i giovani verranno accompagnati da Tutor dell’Agenzia Social Srl. Questa opportunità di Erasmus, operativa perché ha ottenuto lo stanziamento di oltre 400mila Euro del Fondo Europeo per il BARtenders Fulfilling Learning Agreements >In euRope, progetto n° 2019-1-IT01-KA102-007101 CUP: G45G19000040006, offre la possibilità di svolgere un stage professionale ai partecipanti con l’opportunità di approfondire oltre il lavoro anche la conoscenza di lingue estere. Coloro che vorranno partecipare potranno iscriversi direttamente, entro il 15 luglio, consultando il bando sul sito AIBES e poi verranno contattati per un breve colloquio e decideranno se accettare questa occasione che gli si offre. Sempre in Webinar da Roma è poi intervenuto Francesco Reder, che ha dato comunicazione degli impegni associativi, stabiliti nella recente riunione del Consiglio nazionale del sodalizio, annunciando che il Concorso Nazionale previsto prima del Coronavirus si terrà nel prossimo mese di ottobre a Padova nel corso di un grande evento fieristico e tutte le info potranno essere acquisite visitando il sito tecnobarfood.it. Lo stesso consigliere nazionale, ha anche partecipato che tutti gli iscritti che hanno rinnovato la tessera di iscrizione entro il 18 febbraio 2020 e registrati sul sito associativo, potranno partecipare all’elezione del direttivo nazionale AIBES, che con sistema semplificato prenderanno il via martedì 1 settembre ore 12.00 e termineranno giovedì 3 ore 12.00, ininterrottamente si potrà votare anche di notte. I futuri consiglieri nazionali Aibes eletti parteciperanno alla loro prima riunione che avrà luogo all’hotel Crowne Plaza – St. Peter’s di Roma lunedì 7 settembre alle ore 14.00, albergo scelto per i grandi spazi che permettono di accogliere le tante persone, che per le note precauzioni ancora in atto non avrebbe potuto accogliere la sede associativa di Milano. Il grade passionario, oltre che dell’Aibes, anche della propria regione Luigi Gargiulo, che ha svolto in questo suo mandato un lavoro veramente encomiabile e se non si vuol pensare ai singoli eventi creati e realizzati, va senza dubbio notata la numerosità dei 200 soci che rendono la sezione Campania la prima in Italia, apprendendo le decisioni del Consiglio nazionale di scegliere Padova come sede del concorso nazionale Aibes non ha mancato di esprime il proprio rammarico perché lui aveva proposto già da anni la Campania come sede di questa manifestazione che come sappiamo è ed è stata sempre itinerante. A questa decisione che, con disappunto personalmente accetta come socio, ma respinge come logica, va aggiunta per Gargiulo un’altra variazione, anche a nostro avviso poco condivisibile, dei regolamenti AIBES che è quella del privare le regioni dell’elezione di un proprio fiduciario che, con le revisioni, potrebbe eventualmente essere nominato dai consiglieri nazionali dei rispettivi territori. Insomma dei cambiamenti che magari a livello nazionale si son fatti con un obiettivo di far soddisfacentemente funzionare il tutto, ma che bisognerà attende per vedere se funziona meglio dei risultati eccellenti che hanno portato fiduciariati come quelli condotti da Reder per 9 anni, nei quali ha conquistato il premio di miglior sezione dell’anno nel 2003 e 2006 e miglior Fiduciario Aibes dell‘ anno 2008, e poi da Gargiulo per altri 3, senza dimenticare l’altrettanto fiduciariato condotto prima di quest’ultimo da una donna piena di vitalità, azione e fattività come Anna Di Sandro ed ancor prima tornando negli anni addietro da Alfonso Cascella che ha ricoperto anche l’incarico di vice presidente nazionale, ed ancora Nino Giordano. Tutti per quanto riguarda la Campania, che ha sempre dato gran lustro al sodalizio con i propri campioni nazionali, internazionali e mondiali, come i compianti Rita Russo e Salvatore Fusco, per i quali Gargiulo ed il suo direttivo hanno inteso istituire un apposito trofeo, ma tante altre socie ancora che con la loro cultura onorano l’Aibes come Giovanna Paduano, che oltre la laurea ha voluto seguire, superare e mettere in atto i master di professionalità nell’F&B Manager. Una ampia discussione sui temi esposti da Reder in Webinar e poi anche dall’altro consigliere nazionale Luigi Sgaglione presente alla riunione, si è sviluppata fra i soci che hanno ampiamente plaudito il video riassuntivo dei tre anni di fiduciariato campano di Luigi Gargiulo augurandogli ed augurandosi compattamente che il nuovo o i nuovi o i confermati consiglieri nazionali eletti per la nostra regione possano immediatamente riconfermargli il mandato.

Con un in bocca al lupo per la nuova vita dell’AIBES e soprattutto con la speranza che questi professionisti del buon bere e del buon bere miscelato possano continuare ad esprimere la loro professionalità nel mondo del turismo, con l’occupazione lavorativa che al momento scarseggia anche per la lentezza burocratica e delle istituzioni che ancor oggi non danno delle precise direttive investendo con fondi perduti incentivanti la ripresa di questo mondo lavorativo dedicato al turismo che è una delle primissime fonti di introito delle finanze italiane, si è chiuso un pomeriggio di speranze di rinascita dell’Italia.