Innovazione e comicità, per prendere coscienza della realtà che viviamo. Domenica 9, alle 21, al “Teatro d’Europa” di Cesinali, il “99 Posti” di Mercogliano metterà in scena “ Storie di Terra, di Suoni e di Rumori”, scritto da Paolo Capozzo, protagonista dello spettacolo insieme a con Maurizio Picariello.  La regia è di Gianni De Nardo. La pièce propone, con ironia, un viaggio nel tempo, attraverso i racconti, i ricordi dei due protagonisti, Compà Prisco e Compà Mostino che, improvvisamente, sembrano riemergere dalle viscere della terra. “Abbiamo cercato di conciliare la sperimentazione contemporanea con il valore della memoria- commenta Paolo Capozzo- I due personaggi sono uomini semplici, che affrontano la vita in maniera disarmante, percorrendo una sorta di viaggio a ritroso nel tempo”-. Questa dinamica rappresentativa, unita alla simpatia dei due dialoganti, assicura al pubblico momenti di ilarità. Prisco e Mostino si muovono sulla scena in modo grossolano e spontaneo, ma è proprio la loro spontaneità a costituire quel bagaglio di saggezza antica che appartiene alla tradizione. “I due personaggi- continua Capozzo- attraversano 150 anni di storia con i loro racconti. Partendo dall’Unità d’Italia, quindi, la narrazione prosegue fino alle vicende attuali, compresa la diffusione del COVID”-. Anche in questa performance, gli attori recitano in dialetto. “Abbiamo preferito la recitazione nella lingua dell’Irpinia, che ha una sua musicalità negli accenti e nelle parole. E’ uno spettacolo popolare, che pone al centro dell’attenzione l’importanza della consapevolezza e della responsabilità dei propri gesti, che si inseriscono nella storia collettiva della comunità”-.L’appuntamento culturale è parte del programma estivo stilato dal “Teatro d’Europa”, con la direzione artistica di Luigi Frasca. Lo spettacolo si terrà all’aperto, nel rispetto delle norme anti- COVID. L’acquisto dei biglietti è possibile anche online