Con l’Ameir (l’Associazione malati endocrini irpina) continua senza sosta la diffusione dell’educazione alla salute e della cultura della prevenzione nelle scuole dell’obbligo.

 

L’associazione irpina, attiva da anni sul territorio, ha raggiunto pregevoli risultati in termini di informazione e formazione nel settore delle patologie che colpiscono la tiroide, anche attraverso le istituzioni scolastiche con il coinvolgimento attivo non solo degli studenti ma anche degli insegnanti e delle famiglie.

 

Gli interventi educativi e di sensibilizzazione effettuati dagli esperti e dai volontari dell’Ameir hanno caratterizzato le ultime settimane dell’anno scolastico presso il V Circolo Didattico “G. Palatucci” di Avellino e presso l’Istituto Comprensivo “Mercogliano”.

 

Al V Circolo Didattico “Palatucci”, diretto dalla dirigente scolastica professoressa Angela Tucci, il progetto è stato coordinato dalla professoressa Mirella Guerriero, con il coinvolgimento di 70 alluni della scuola primaria delle classi quarte delle sezioni A, B e C.

 

All’Istituto Comprensivo “Mercogliano”, diretto dalla professoressa Alessandra Tarantino, la referente del progetto è stata la professoressa Filomena Giacobbe, e sono stati coinvolti 65 alunni della scuola secondaria di primo grado delle classi prima e seconda delle sezioni A e B.

 

Nel corso degli incontri, gli esperti dell’Ameir hanno sottolineato l’importanza della Iodoprofilassi e hanno invitato a utilizzare a livello alimentare il sale iodato, e successivamente hanno somministrato un questionario e hanno fornito dettagliate risposte a tutti i quesiti posti dagli stessi alunni.

 

Nel campo della prevenzione sanitaria e l’educazione alla salute, l’Ameir ha segnato un altro successo con le giornate dedicate alle visite e agli esami clinici gratuiti che si sono tenuti il 24 maggio e il 3 giugno, nell’ambito della “Settimana mondiale della Tiroide”. Sono state eseguite centinaia di visite e di ecografie per una corretta e proficua prevenzione rivolta ai cittadini irpini.