Al pala Tennis Tavolo di Terni, L’atleta avellinese Gianni Novi, è impegnato nel campionato italiano giovanile. E’ lui quindi a rappresentare i colori Bianco-Verdi sfidando atleti provenienti da tutta Italia. Sapeva, che non sarebbe bastato giocare bene, ma che avrebbe dovuto superare i propri limiti. La differenza, la fa, quella determinazione in più, che gli atleti riescono a mettere nelle gare decisive. E’ li che si vede la stoffa di un campioncino. Far si che le emozioni si trasformino in energia positiva. Il Tennis-Tavolo è formato da tante tessere di un puzzle che vanno incastrate bene, altrimenti si rischia di compromettere il disegno che deve venire fuori. Novi è stato bravo in questo, unendo concentrazione, mano ferma, acume tattico, ed atletismo. Era stato ben preparato in palestra dai suoi coach Marialucia Di Meo, e Giovanni Giorgione, ma è l’atleta poi a scendere in campo. Già l’anno scorso Novi aveva ben figurato, ma ripetersi, si sa, non è mai facile. L’atleta irpino è impegnato su due fronti, singolo e doppio. Nel singolo fa un’ottima figura con atleti dalla grande caratura tecnica, ottenendo ottimi risultati. Ma è nel doppio che arriva la vera gioia della giornata. La medaglia di Bronzo insieme al suo compagno di avventure pongistiche Riccardo Varone tesserato con il Tennis Tavolo Sessa Aurunca. Nel doppio oltre alle già citate caratteristiche, c’è bisogno di un immediato affiatamento. Non ci si può permettere di lascare dei set per strada, contro avversari di cotanto valore. La coach Marialucia Di Meo lo sa bene, e sa anche quanto si soffre a stare in panchina, a dispensare consigli. Siamo agli italiani, ed ogni errore può costare caro.  Al termine dell’incontro l’urlo; quell’urlo liberatorio che comprende un mix di emozioni che si accavallano tra loro, e ti lasciano quel bellissimo sguardo tra l’incredulo ed il felice. Ti guardi attorno come per chiedere conferma di quello che sta succedendo.  Attimi che scorrono, e veloce come la luce, le immagini vanno da il duro lavoro svolto in palestra, alla gioia di poter dire di avercela fatta. Si un’altra volta. E’ medaglia di bronzo! Per Gianni Novi e Riccardo Varone, un’altra coppa nelle loro bacheche, e per il Tennis-Tavolo Avellino, una nuova vitale iniezione di fiducia, che conferma il buon lavoro svolto dalla Coach Di Meo,  da tutto lo staff e dall’istituto Tecnico agrario F. De Santis che ci ospita, credendo in noi, con la consapevolezza per tutti i soci, che la strada intrapresa è quella giusta…