Prima notturna in anticipo per l’Us Avellino di mister Ezio Capuano. I lupi si presentano alla delicata trasferta di Catanzaro privi di capitan Morero (il cui ritorno è previsto per la gara di lunedì con il Potenza) e di Tommaso Carbonelli, bloccato da un sintomo influenzale a poche ore dalla partenza. I biancoverdi si schierano così con Zullo, Laezza e Illanes sulla linea dei difensori e l’inedita coppia Charpentier-Micovschi sul fronte offensivo. Il giovane talento di proprietà del Genoa è il primo a rendersi veramente pericoloso: al 22′ il rumeno centra in pieno l’incrocio dei pali con un gran tiro propiziato da un lavoro di sponda di Charpentier.

Goal sbagliato e goal subito per l’Avellino: al 24′ favalli ribadisce in rete una palla ribattuta prima da Abibi su tiro di Tascone e poi da Zullo sul successivo tentativo di tap in di Kanoute.

Dopo pochi minuti il Catanzaro trova anche il 2-0:  è nicastro a colpire di testa ed insaccare un preciso cross dell’autore del goal Favalli, particolarmente ispirato nella metà campo ospite. In occasione della marcatura Illanes prende una botta alla schiena e lascia il campo a Silvestri. Celjak scala in difesa con il neo-entrato che si colloca in mediana insieme a Di Paolantonio e Rossetti, con Parisi a sinistra e De Marco allargatosi a destra.

Malgrado il doppio svantaggio i lupi continuano a pressare ed al 44′ Silvestri si rende protagonista di un lesto recupero e sul suo cross rasoterra arriva il goal di Di Paolantonio, confermato capitano in assenza di Morero.  La marcatura dona ulteriore linfa agli ospiti, che chiudono la prima frazione di gioco in attacco.

Non cambia lo spartito della gara nella ripresa: il Catanzaro è sempre insidioso e lo fa capire già al 3′ s.t., quando Kanoute ci prova da fuori area non inquadrando lo specchio di poco. Segue dopo 5′ la fiammata del solito Favalli, Kanoute in girata non trova la porta da pochi passi.

Al 26′ arriva la più pericolosa occasione per i biancoverdi: su una sfuriata di Charpentier Micovschi impatta di piatto a tu per tu con Di Gennaro, ma la conclusione è alta sopra la traversa. Come nel primo tempo, all’occasione sbagliata dell’Avellino risponde con più concretezza il Catanzaro, con Kanoute che sfrutta un prezioso pallone servitogli dalla destra dopo un provvidenziale recupero. Albadoro al 43′ regala l’ultimo sussulto del match, ma il suo sinistro va a lato.

Tabellino

Catanzaro-Avellino 3-1

Marcatori: 24′ pt Favalli, 28′ pt Nicastro, 44′ pt Di Paolantonio, 31′ st Kanoute.

Catanzaro (3-5-2): Di Gennaro; Signorini (39′ st Figliomeni), Martinelli, Pinna; Statella, Tascone (29′ st Nicoletti), Risolo (19′ st Maita), Casoli, Favalli; Kanoute, Nicastro (38′ st Fischnaller).

A disp.: Mittica, Giannone, Riggio, Elizalde, Novello, Mangni, Quaranta.

All.: Grassadonia.

Avellino (3-5-2): Abibi; Illanes (41′ pt Silvestri), Zullo, Laezza; Celjak, De Marco (36′ st Alfageme), Di Paolantonio, Rossetti (14′ st Karic), Parisi (13′ st Albadoro); Micovschi; Charpentier.

A disp.: Tonti, Pizzella, Palmisano, Njie, Evangelista, Petrucci.

All.: Capuano.

Arbitro: Meraviglia di Pistoia.

Assistenti: Della Croce di Rimini e Buonocore di Marsala.

Ammoniti: 42′ pt Laezza, 21′ st Pinna (gioco scorretto); 26′ pt Illanes (comportamento non regolamentare)

Spettatori: 4.130 (ospiti 142) di chi 2.445

Angoli: 3-1

Recuperi: 2′ pt e 4′ st.