Trevico, un dipinto per Ettore Scola

Il Centro Culturale ‘Giuseppe Scola’, allestito a Trevico nella casa natale del grande regista irpino Ettore Scola, il 6 agosto ha ospitato un evento che ha avuto come protagonisti alcuni artisti del Centro Artisti Salernitani, diretto dalla pittrice Elena Ostrica.

Questo Centro intrattiene da anni rapporti frequenti e fecondi con l’Associazione Irpinia Mia che ha sede a Trevico e che ha organizzato l’evento di domenica 6 agosto per sottolineare un gesto generoso e significativo di alcuni artisti salernitani, vale a dire la donazione di un quadro concepito come un omaggio a Ettore Scola, da collocare all’interno del suo Palazzo. Si tratta di un’opera grafico-pittorica di grandi dimensioni (cm.130 x 90), intitolata “Radici“, realizzata con tecnica mista da sei pittori con l’intento di “sintetizzare artisticamente l’anima, le radici, la cultura, la bellezza del paese a cui è ispirata”, un lavoro di équipe svolto con grande abilità, che armonizza con naturalezza diversi registri stilistico-espressivi in una sintesi figurativa di notevole impatto emotivo.

Alla presentazione del quadro era presente il Sindaco di Trevico, dott. Nicolino Rossi, che ha sottolineato l’importanza di una efficace collaborazione tra l’Istituzione Comunale e il lavoro organizzativo delle Associazioni locali.

Durante la presentazione del quadro, hanno affiancato la Presidente della Associazione  Irpinia Mia, Maria Raffaella Calabrese De Feo, tre dei pittori che hanno realizzato l’opera, Elena Ostrica, Luigi Pilato e Maria Grazia Mancino, i quali hanno spiegato le modalità del loro lavoro collettivo e la scelta dei singoli contributi animando una interessante conversazione nella quale si è inserito con numerose domande il folto  pubblico presente.

L’incontro si è concluso con l’inaugurazione di due mostre personali allestite in due ambienti del Palazzo Scola. Hanno esposto  Elena Ostrica, Presidente del CAS, che ha al suo attivo una produzione ricchissima, realizzata con tecniche diverse, e che nella sua lunga carriera di artista ha raccolto numerosissimi riconoscimenti e premi in Italia e all’estero, e Luigi Pilato che, oltre alla tela, utilizza per i suoi dipinti materiali di riciclo (cartone, cassette di legno, iuta) con risultati di grande suggestione.

La mostra rimarrà aperta fino al 7 settembre con orario 16-18 tutti i giorni.