Così recita lo stornello di una famosa canzone popolare toscana!…Lo stornello è un breve componimento poetico che in pochissimi versi racchiude una storia. O anche è il mantello, che sembra spruzzato, di un cavallo. Oppure è il rapido volteggiare nell’aria di centinaia di uccelli che rendono il cielo proprio come “nebulizzato” da uno spray. “Spray” dà  onomatopeicamente l’idea di un gesto rapido ma efficace. E forse è da qui che nasce il senso del prestigioso evento comunicativo. E non poteva nascere se non dall’originalità tutta toscana!

FilmSpray” è un importante Concorso cinematografico internazionale, diretto artisticamente da Matteo Cichero, ideato da Fabrizio Guarducci e organizzato dall’autorevole Istituto Lorenzo De’ Medici e da ecoFrames, con la fondamentale collaborazione di Rai Com, Rai Cinema, Fedic, Quelli della Compagnia e Quartiere 1 di Firenze, e che sin dalla sua prima edizione richiama l’interesse da tutto il mondo, sia per l’impostazione che per le tematiche e il modo in cui sono comunicate.

Si tratta infatti di brevissime produzioni, lunghe massimo 90 secondi e privi di dialoghi, accompagnate solo da un commento musicale. In questi brevissimi filmati sono le immagini a raccontare, rompendo così le barriere linguistiche e rendendoli comprensibili a tutti.

E non è certo semplice racchiudere in pochi secondi un’intera storia, ma di sicuro è un modo emotivamente più diretto e veloce per raggiungere gli animi. …Proprio come uno “spray”!

I film narrano di persone e di temi ambientali, culturali, etnici, sociali per lo più guardando all’Italia con l’occhio di un artigiano. Perché a farli sono un po’ tutti: dai professionisti ai giovani ai semplici appassionati, che grazie a questo evento possono avere finalmente visibilità.

L’edizione di quest’anno di “FilmSpray si terrà il 15 maggio alle 16: 30 presso la sede fiorentina dell’Istituto Lorenzo De’ Medici e ha come testimonial due nomi di altissimo rilievo: il pluripremiato direttore della Fotografia Vittorio Storaro (fra l’altro tre Premi Oscar) e il grande attore Sebastiano Somma, volto notissimo non solo al pubblico italiano, appassionato protagonista di generi artistici che vanno dal teatro alla televisione, e protagonista insieme a Remo GironeClaudio Lippi e al piccolo, ma solo anagraficamente, Lorenzo D’Agata di un film che rompe gli schemi e affronta con linguaggio immediato e diretto della Semplicità un tema antico e più che mai attuale: quello dell’acqua.

Il Bacio Azzurro”, questo il titolo del film con la regìa dell’irpino Pino Tordiglione e la Direzione della Fotografia di Claudio Collepiccolo, si avvale della colonna sonora composta dal M° Gianni lodigiani e della voce straordinaria della grande Amii Stewart ,

Il Bacio Azzurro” è stato fortemente voluto dalla Commissione giudicatrice a partecipare fuori Concorso all’importante Festival, volendo riconoscergli con un premio speciale (che va a unirsi ai riconoscimenti già meritati di OnuUnescoMinistero AmbienteIstruzione per l’alto valore sociale ed educativo) l’originalità espressiva, comunicativa e narrativa nell’affrontare, su piani tematici diversi, argomenti di importanza sociale universale quale quello della Famiglia e dell’Ambiente, tutti sapientemente riuniti in un solo argomento: quello dell’acqua, dalla notte dei tempi elemento spirituale femminile di Vita, di unità dei popoli, e di Pace. Il messaggio del film è chiaro: Dove c’è Acqua c’è un sorriso!…

…E dove c’è un sorriso c’è la Pace. …Quindi dove c’è l’acqua c’è la Pace!

Il Rispetto e l’uso consapevole dell’acqua e dell’ambiente insegna a tutti a recuperare il senso profondo dell’Essere e i Valori veri e semplici del rispetto alla Vita, che è di tutti come di tutti è l’acqua!

A ritirare la menzione speciale e il premio sarà Sebastiano Somma, ambasciatore appassionato del film.