Sarà proiettato a Ottobre negli Studios di Hollywood il cortometraggio di Stefano Argenziano dal titolo “Dispatch”

Selezionato a Los Angeles per 2 importanti Festival Cinematografici – il NewFilmMakers LA  e lo Shriek Fest – il corto del giovane film maker Avellinese, si è avvalso di un cast di attori di “estrazione teatrale”, agli esordi nel lavoro con la macchina da presa, che ha ben contribuito alla costruzione di un racconto palpitante che lascia senza respiro.
Paolo Capozzo (nel ruolo di Tim) e Nadia D’Amico (nel ruolo di Mary), coadiuvati da Elvio Barbati, Maurizio Picariello, Fabiana Russo e Giovanna Russo, trascinano lo spettatore in un percorso emotivo carico di pathos e di tensione.
La sceneggiatura, tratta da un lavoro di Sean Elwood e rielaborata nella versione italiana dallo stesso Argenziano insieme ad Antonio Maffei,  racconta di Tim, operatore del 9-1-1, che durante il  turno di notte riceve una richiesta di aiuto da una donna, che afferma di trovarsi in una casa con diverse persone assassinate. Presto Tim realizzerà di aver a che fare con qualcosa di molto pericoloso e che quella che credeva essere una normale notte di lavoro presto si trasformerà in un’avventura che non dimenticherà mai.
Le musiche di Marco Ruggiero (che ha curato interamente l’audio dell’opera) e la fotografia, diretta magistralmente da Mirco Sgarzi, creano un’atmosfera noir in cui non è quello che si vede a far paura, ma quello che ci si “immagina” stia per accadere.
“Dispatch” è finalista anche allo Small Movie di Calcinaia e al Tolentino Film Festival, ed ha già ricevuto un premio per la fotografia al Retro Film Festival di Perugia.

marpis

direttore responsabile www.gazzettadellirpinia.it