Neanche il tempo di smaltire la delusione per l’immeritato ko con l’Agropoli, che il Città di Atripalda torna già in campo per affrontare un’altra big. Ripartire dal grande primo tempo disputato al cospetto della capolista è l’imperativo che regna nell’ambiente atripaldese in vista del match del “Dony Rocco” di Campagna, dove ad attendere gli uomini di Montanile ci sarà il Montecorvino Campagna, terza forza del campionato in netta ripresa dopo il problematico impatto palesato in uscita dal giro di boa. Le due vittorie di fila con Città di Angri e Due Principati hanno rigenerato la formazione cara alla triade Apicella-Busillo-De Rosa, non più in corsa per il primato ma decisa quantomeno a contendere al Città de la Cava un secondo posto prezioso in ottica play-off. Trend che ha rinsaldato la posizione in panchina di Luigi Russo, presentato dopo l’esonero di Carmine Turco come soluzione pro tempore per poi vestire i panni del traghettatore fino a fine stagione. Tra i granata il pericolo numero uno si chiama Tony Letizia: il fuoriclasse ex Felice Scandone Montella, assente all’andata, è il capocannoniere del girone con quattordici reti ed è reduce dalla tripletta che ha affondato il Due Principati. E’ lui il trascinatore di una squadra che nella rivoluzione di dicembre si è privata di elementi del calibro di Tranfa, Napodano e De Stefano. Dunque, un Montecorvino Campagna trasformato rispetto all’andata, ma che ha in Ruocco, Rodio e nello stesso Letizia l’asse portante fin da inizio stagione. Il Città di Atripalda non ci sta a vestire i panni della vittima sacrificale di turno e giungerà all’ombra dei Monti Picentini affamato di punti salvezza. Montanile può contare sul rientro dalla squalifica di Galliano, che riprenderà il suo posto in difesa al fianco di capitan Tirri. Ma la notizia riguarda il recupero di Saviano. A distanza di circa due mesi dalla sua ultima apparizione, infatti, il fantasista ex Giorgio Ferrini torna disponibile e verrà reinserito gradualmente nell’undici titolare. Difficile ipotizzare il suo impiego per uno spezzone di gara già nella trasferta nella Piana del Sele, ma il suo prossimo rientro a pieno regime fa sfregare le mani a mister Montanile, consapevole di poter contare nuovamente sull’apporto in termini di qualità del 27enne esterno sannita. Un altro sorriso al tecnico sabatino lo regala Loasses, che ha svolto la rifinitura col gruppo e può ritenersi recuperato dai guai alla caviglia. In dubbio Cerullo, alle prese con un forte attacco influenzale. L’eventuale assenza della bandiera biancoverde creerebbe qualche grattacapo a Montanile, che a centrocampo ha già gli uomini contati. Dunque, le uniche certezze riguardano la difesa, dove si tornerà all’antico con il quartetto Tancredi-Galliano-Tirri-Sicignano davanti a Caruccio. A centrocampo, se Cerullo dovesse farcela, confermata la linea a quattro del match con l’Agropoli con l’unica novità dell’inserimento di Loasses al posto di Ambrosio. In caso contrario, due le soluzioni: mediana a tre con Loasses, Rupa e Barletta che faciliterebbe la coesistenza di Simone e D’Acierno in avanti supportati da Nappi; oppure a quattro con Ambrosio esterno in luogo di Cerullo, con Simone a farne le spese per il discorso under.

Sono 19 i convocati per la trasferta di Campagna.

Portieri: Caruccio, Imparato.

Difensori: Tirri, Stompanato (’93), Galliano, Tancredi (’93), Sicignano, Coscia (’94), Tullino (’92).

Centrocampisti: Barletta (’94), Cerullo, Loasses, Ambrosio, Rupa, Saviano.

Attaccanti: Nappi, D’Acierno (’93), Modesto (’93), Simone.